lunedì, ottobre 22, 2007

Holly o Julian Roos














Oggi vi parlerò di un mio dubbio che mi ha sempre innervosito e reso poco sicuro:

Chi era meglio tra Oliver Hatton e Julian Roos?

Holly era il campione tutto cuore buono e classe, oltre che essere un gran trascinatore; invece Julian era malato di cuore (o Quore per scriverlo in modo corrette ;) ) e poteva giocare al massimo 15 minuti sennò sTiantava. Però in quei 15 minuti faceva il delirio e mostrava un senso tattico migliore con una tecnica quasi superiore.

Quindi la domanda è:

Se Julian non avesse avuto il mal de cuore sarebbe stato lui il piu' forte della serie Holly e Benji?

A voi la risposta

Adie

Etichette:

6 Comments:

Blogger Giovanni said...

sì, sarebbe stato il migliore. in caso di emorroidi non so.

11:44 AM  
Anonymous SussurroDiFata said...

Uhm...secondo me Julian Ross...
E, come al solito, i meglio son sempre i più sfigati!!!

Hai notato che, quando giocavano a calcio, sembrava che il campo su cui correvano NON finisse mai? ;)))))

7:11 PM  
Anonymous Giorgione said...

No, il campo finiva. E si concludeva esattamente all'altezza del ristorante "da Giorgione", ottimi prezzi, cucina casalinga, possibilità di ampi spazi per cerimonie. "Da Giorgione", in via del Tiglio 47, Frana, Co.

7:17 PM  
Anonymous dessd said...

fff cartone noioso...una partita durava 5 puntate...noonononono
in ogni caso Julian era + fico!

2:26 PM  
Anonymous Anonimo said...

Cartone animato orrendo nonchè pieno di errori e imprecisioni.
E' presto spiegato il perchè:

In seguito ad una riunione tenuta nel 1848 fra le prime società calcistiche del Regno Unito (patria di questo gioco in versione moderna) furono introdotte o cambiate diverse regole riguardanti il gioco del calcio.
Nel 1857 il club dello Sheffield ne introdusse alcune altre particolarmente significative.

Gli sforzi di miglioramento culminarono con la nascita della Football Association (FA) che si riunì per la prima volta la sera del 26 ottobre 1863 alla Freemason's Tavern di Londra.
L'unica scuola rappresentata era Charterhouse: il calcio si stava però dirigendo a grandi passi verso il professionismo.

La Freemason's Tavern fu teatro fra ottobre e dicembre di altre cinque riunioni durante i quali si diede vita ad un notevole insieme di regole. Nell'ultima riunione i rappresentanti del Blackneath decisero di togliere la propria squadra dalla FA non appena fu stabilito di vietare il calcio negli stinchi (in futuro vennero inventati i parastinchi). Il Blackneath, poco più tardi entrò a far parte della Rugby Football Union.

Oggi le regole del gioco sono decise dallo International Football Association Board (IFAB), associazione nata nel 1882 in un incontro a Manchester tra la FA inglese, scozzese, gallese e irlandese.

La FIFA (Fédération Internationale de Football Association) nacque a Parigi nel 1904 e dichiarò che avrebbe aderito alle regole stilate dall'IFAB, che tuttora è l'unica istituzione con il potere di modificare una delle regole base del calcio.

Comunque il potere della FIFA è cresciuto molto con il tempo, di pari passo con la popolarità dello sport. Oggi l'IFAB è formata da ben quattro rappresentanti della FIFA e un rappresentante di ciascuna delle quattro associazioni britanniche.

Le regole base del calcio riguardano:

1. Il terreno di gioco
2. Il pallone
3. Il numero dei giocatori
4. L'equipaggiamento dei calciatori
5. L'arbitro
6. Gli assistenti dell'arbitro
7. La durata della gara
8. Il calcio di inizio e la ripresa del gioco
9. Il pallone in gioco e non in gioco
10. La segnatura di una rete
11. Il fuorigioco
12. Falli e scorrettezze
13. I calci di punizione
14. Il calcio di rigore
15. La rimessa laterale
16. Il calcio di rinvio
17. Il calcio d'angolo

Non è una regola, ma una modalità di comportamento:

1. Il Fairplay

Più in dettaglio, quelle che seguono sono le principali regole che sovrintendono il gioco del calcio:

1. Il gioco si svolge su un campo erboso di forma rettangolare lungo da 90 a 120 metri e largo da 45 a 90. Al centro dei lati minori del rettangolo sono sistemate le due porte.
2. Ogni partita viene divisa in due tempi da 45 minuti ciascuno separati da un intervallo di massimo 15 minuti.
3. Scopo di ciascuna delle due squadre, composte da 11 giocatori, è tirare il pallone, di forma e peso regolamentari, nella porta avversaria.
4. Vince la squadra che alla fine della partita ha totalizzato il maggior numero di reti.
5. Un giocatore che commette un'azione scorretta (fallo) contro un giocatore della squadra avversaria, provoca l'intervento dell'arbitro che assegna un calcio di punizione contro la sua squadra. Il gioco si ferma e il pallone viene posizionato, solitamente, nel punto in cui è stato commesso il fallo. I giocatori avversari non potranno avvicinarsi a meno di 9.15 metri dal pallone sino a quando non sarà stato battuto.
6. Se il fallo viene commesso nell'area di rigore, nell'estremo tentativo di bloccare un attaccante, la punizione, se diretta, si trasforma in un rigore. Il calcio di rigore è una sfida a due tra il portiere e il giocatore incaricato di batterlo. Il pallone viene posto sul dischetto di fronte alla porta (distante 11 metri) e, al fischio dell'arbitro, viene battuto. Nessun giocatore potrà avvicinarsi al pallone a meno di 9.15 metri o entrare nell'area di rigore o superare la linea del pallone sino a quando non sarà stato battuto.
7. Se il pallone viene lanciato oltre la linea di porta da un giocatore della squadra che difende, un giocatore della squadra attaccante dovrà battere un calcio d'angolo (corner). Il pallone dovrà essere collocato nell'area d'angolo più vicino al punto da cui è uscito e da lì verrà calciato. Se, invece, il pallone viene lanciato oltre la linea di porta da un attaccante, sarà compito di un qualsiasi calciatore della squadra in difesa provvedere al calcio di rinvio.
8. La regola del fuorigioco prevede che, in caso di passaggio in avanti da parte di un compagno di squadra, tra l'attaccante che riceve e la linea di porta ci debbano essere almeno due giocatori in difesa (portiere incluso) perché l'azione di gioco possa continuare. In caso contrario l'arbitro ferma il gioco e decreta una punizione a favore della squadra che difende.

Il regolamento del gioco del calcio viene aggiornato annualmente con le circolari di inizio stagione. L'ultima edizione del regolamento è entrata in vigore l'1 luglio 2006. Al suo interno sono descritte le 17 regole con delle relative domande di casistica.

5:26 PM  
Blogger juri grafikfabrik* said...

Anche secondo me Ross li batteva tutti. Lui era di un altro livello. Aveva più classe, anche solo per come era disegnato.

11:24 PM  

Posta un commento

<< Home