giovedì, novembre 09, 2006

I comici di zelig


Un dubbio che mi assale ogni volta che faccio zapping in tv e mi fermo su italia uno e in quel momento vi è Zelig il dubbio è:
ma come cazzo fanno a definirsi comici quei personaggi?
Ma gli autori di zelig sanno che cosa è la comicità o no?
Oppure noi italiani siamo così tonti e stupidi e ci divertiamo con delle cose così stupide e demenziali?
L'anticomico per antonomasia è il tormentone: se hai un tormentone come comico non vali una sega perchè vuol dire che non hai capacità di rinnovarti e fai piu' o meno le solite battute, l'esempio lampante di quello che dico è Cirilli, l'anticomico per eccellenza, perchè con il suo "chi è tatiana" ci ha strafrantumato i coglioni fa delle battute che neanche paperoga briaco e sotto acido riuscirebbe a fare da quanto sono brutte. Credo che se salissi sul palco ed incominciassi a ruttare farei piu' bella figura e farei anche piu' ridere. Oppure i vari Alex e Franz o Ficarra e Picone che si sono ormai affossati nei loro personaggi e da essi nn riescono a scappare ed uscire propinandoci le solite battute in 20 salse diverse. Ma è possibile?????!!!!
Cazzo no basta con le solite 4 battute cercate di rinnovarvi!!!!!!!!!!!!!!!!
Il dubbio che mi assale vedendo i comici che ci sono ora al giro è che ci vogliono OMOLOGARE anche nel modo di ridere e rimbambirci anche sotto questo punto di vista. Perchè: comici dello spessore di ROBERTO BENIGNI, BEPPE GRILLO, PAOLO ROSSI (il comico non il calciatore...) e I DUE FRATELLI GUZZANTI NON SI VEDONO PIU' IN TV?
Ecco la mia risposta:
ci vogliono fare rincoglionire con una comicità di basso profilo intelletuale per poterci controllare meglio e farci ragionare come vogliono loro e questa cosa è sia brutta che inquietante.
Allora oggi il vero dubbio da risolvere è continuare a farsi TRATTARE COME PRODOTTI OMOLOGATI od incazzarsi e dare fuoco a tutto?
Questo è il vero dubbio che mi assale.
Datemi consiglio cheers
adie

Etichette:

4 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Prima di procedere all'acquisto bisogna pensare bene al tipo di gabbia di cui abbiamo bisogno.
La prima cosa importante da tenere in considerazione è che questo piccolo marsupiale è arboreo, quindi abbiamo bisogno di una gabbia che si estenda in l’altezza per soddisfare le loro esigenze di grandi arrampicatori. Sicuramente il Petauro gradirà questa soluzione, in genere crea il sua rifugio nella parte alta della gabbia perché gli trasmette un senso di sicurezza, una situazione diversa gli potrebbe creare molto stress. Condizioni per lui negative possono influire pesantemente sulla salute del Petauro essendo un animale molto sensibile e delicato, alterando vieppiù i fragili habitat psichici che questi amorevoli marsupiali sono riusciti a conquistarsi dopo secoli di odiosa precarietà emozionale e ostinate lotte contro un super-io perentorio e dispotico.
Quindi nel limite del possibile più la gabbia è ampia e meglio il nostro amico vivrà al suo interno.
La maturità sessuale viene raggiunta dal maschio verso i 10-14 mesi, mentre la femmina 8-12 mesi,l'estro femminile avviene ogni 39 giorni e in media si hanno 2-3 gravidanze annue.
Il dimorfismo sessuale è piuttosto evidente negli esemplari adulti anche senza necessariamente ispezionarli a mano: i maschi presentano una voluminosa sacca testicolare posta a 2-3 cm dall’orifizio anale, e sulla parte alta della testa presentano una singolare “chiazza senza pelo” che li contraddistingue; nella femmina, dopo il primo accoppiamento,risulta invece facilmente identificabile il marsupio; esso si presenta esteriormente come un taglio longitudinale di circa 3 cm posto in posizione ventrale. Andando infine ad esaminare gli organi sessuali mediante spostamento del mantello di copertura, si possono colmare anche gli ultimi dubbi in merito.Discrezione e moderazione sono sempre raccomandabili,opportuni,caldeggiati.

4:57 PM  
Anonymous Anonimo said...

io, secondo me, dio cane

5:13 PM  
Anonymous vrg said...

a me piace solo il tipo che imitava schumacher!!!

8:24 PM  
Anonymous Riky said...

Hai ragione...le ripetizioni nel programma di zelig sono assolutamente da accantonare, hanno seriamente frantumato gli zebedei...ma non è che ti sei lasciato un po prendere la mano??mamma mia questi comici mica ci portano alla fine del mondo...mettiti nella parte del comico, questo fa sempre la solita battuta del cazzo e i rincoglioniti ridono...non è colpa sua se quelli ridono...non lo ha premeditato...e poi finchè si può speculare sulla gente scema...
Ah tra i comici direi che è assolutamente da guardare a zelig il mitico PAOLO MIGONE è un grande!!!!!

7:32 PM  

Posta un commento

<< Home