martedì, luglio 29, 2008

W la Sicurezza e cazzi vari

Cari miei oggi mi sento felice dopo aver letto le dichiarazioni del ministro Maroni che dice che ora nelle nostre città oltre che i carabBinieri poliZziotti e FinaSieri ci saranno anche i soldati dell'esercito che ci difendono dai negri, rom, rummeni, cinesi, albanesi, comunisti e napoletani.

Si son proprio felice non vedo l'ora di vedere i carrarmati davanti ai campi rom pronti a far foco appena tirano fori la testa o i caccia che voleno sopra i centri sociali pronti a sgangiare na bomba appena vedono levarsi un pugno chiuso in aria!!!!!!!

W W W il nuovo decreto sicurezza che finalmente farà rimettere il coprifuoco e tutti al letto a mezzanotte tranne quando Lucignolo fa gli speciali sulla Movida notturna in quella e questa città.

W il nuovo decreto legge sulla sicurezza che vuole rimettere il Ius pirmae noctis!!!

W anche al Papa che condanna i preti pedofili e dice che è giusto che anche la giustizia ordinaria li condanni!!! Che come dice un mio commentatore della Valtiberina anonimo dice che è piu' plausibile che lo zii Itle condanni l'antisemitismo!!!!!

W Anche a Padre Fedele che anche se non ci unisce la squadra di calcio ci unisce la fede alla fica!!!!!!

W anche a me che scrivo cazzate!!!!

Adie


Etichette: ,

20 Comments:

Anonymous Anonimo said...

a me garbava di più la fica

5:05 PM  
Anonymous Anonimo said...

anche a me, la fica è meglio, giù!

5:06 PM  
Anonymous Anonimo said...

si si, w la fica porcoddio

5:06 PM  
Anonymous Anonimo said...

padre fedele: la fede ci divide la voglia ci unisce... porcoddio scrivi per bene, stronzo

10:21 PM  
Anonymous Anonimo said...

a me piace decisamente di più il culo, è più stretto della fica. dice si ma ci passa la merda. perchè nella fica ci passa l'aranciata?

1:29 PM  
Anonymous Anonimo said...

anche a me piace sfondare il culo delle troie

2:41 PM  
Anonymous Anonimo said...

w il culo

2:48 PM  
Blogger ggrillo said...

i pisani no?

3:22 PM  
Anonymous Anonimo said...

w il culo delle pisane

3:50 PM  
Anonymous Anonimo said...

e la fica

5:36 PM  
Anonymous Oscar Raffone said...

Fà, fà pure il "satiro", ma quando dei bambini negri mussulmani e froci, vestiti da ROM col copricapo ebreo, che parlano albanese con l'accento cinese, mangiando piatti rumeni, cantando canzoni comuniste e suonando strumenti indiani ti ruberanno il portafoglio minacciandoti con armi da fuoco di fabbrazione russa, nel mentre che cammini per le vie napoletane vicino a qualche centro sociale nogglobball avtogiestito,... vedrai che anche tu sosterrai l'uso dell'esercito (e del napalm, e delle mitragliatrici, e dei carriarmati, e dei gas asfissianti) contro que' pezzi di merda boni solo per bruciare nelle centrali a carne umana che 'sto governo giusto e puo non si decide a costruire, razza di perdigiorno statali fannulloni fancazzisti che non sono altro.
Ed amen!

Piesse: Ah...perchè...zio ittle un era contro l'antisemitismo? Ma tu guarda! Ed io che credevo... Ma sei sicuro? Cazzissimo cazzo! Mi è crollato un mito!!! E magari ora mi dici pure che il Ducie era pelato!!!!

11:15 PM  
Anonymous Anonimo said...

si ha ragione raffone: w la fica

1:29 AM  
Anonymous dessd said...

èssì evviva tutto!
sopratutto la fica...ovvio!

10:01 AM  
Anonymous Anonimo said...

W la FICA... la fica garbava anche al DVCE ma non a ITLE, che invece se lo faceva stioccare nel retto.

11:10 AM  
Anonymous Anonimo said...

Fica è un termine volgare di lingua italiana e di uso comune impiegato in alcune regioni per indicare l'apparato genitale femminile esterno. Nelle regioni settentrionali dell'Italia e in Svizzera nel Canton Ticino è diffusa la variante "figa".

Il corrispettivo usato nel mondo anglosassone è quello di cunt mentre in francese si usa con (dal latino cunnus).

Il termine viene dal tardo latino fica "frutto del fico" come femminile di ficus, "l'albero del fico" (ficus carica). Il significato osceno era già presente nella parola greca (συκον) sykon che appunto significa fico e fu usato inizialmente da Aristofane nelle proprie commedie. Si tratterebbe quindi di un calco che dal greco è passato alla lingua italiana tramite il tardo latino. In latino venne usato per sostituire il più sconcio cunnus e viene descritto come una ferita in locis uericundioribus, ovvero posti vergognosi. La rapida specializzazione semantica del termine con questo valore osceno ha fatto sì che il nome del frutto venisse assunto dal maschile fico, contrariamente a quella che è la regola in italiano (mela frutto del melo, pera frutto del pero, ecc.). Nei dialetti e nelle lingue in cui fica non ha assunto il senso primario di "vulva", il frutto è rimasto al femminile (ad esempio francese la figue, dialetti salentini la fica, ecc.)

Il termine fa parte di uno dei filoni principali della letteratura - a volte anche alta - e dello scrivere tipico della goliardia.

1:05 PM  
Anonymous Anonimo said...

andate a fare in culo. cerco "FICA" su google è arrivo qui...
W la FICA

2:21 PM  
Anonymous Anonimo said...

pensa te... io cerco google sulla fica e arrivo a Battifolle.
w la fica gnuda

2:58 PM  
Anonymous Anonimo said...

sapete 'na sega voi de la fica.
uno che conosco la lecca anche con il marchese.
che genio!

4:44 PM  
Anonymous dessd said...

nn me lo ricordare!
qui da noi c'è la festa di radio onda d'urto e praticamente si fa prima ad andare a piedi x nn rischiare l'arresto!
che due maroni!

9:29 AM  
Anonymous Anonimo said...

Padre fedele orgoglio

12:08 AM  

Posta un commento

<< Home